fbpx
La_collezione_Alana

La collezione Alana

La collezione Alana. Capolavori della pittura italiana.

Museo_Jacquemart-André_la_collezione_Alana
Museo_Jacquemart-André

La collezione Alana. Capolavori della pittura italiana.
Il museo parigino Jacquemart-André non delude mai, anche questa volta con l’esposizione “La Collezione Alana. Capolavori della pittura italiana” ha fatto centro.
Non a caso, come si legge nella brochure di presentazione della mostra, la collezione Alana è una delle più preziose e segrete collezioni private d’arte del Rinascimento italiano al mondo.
C’è da rimanere sbalorditi solo a leggere i nomi degli artisti esposti, siete pronti?

La_collezione_Alana
La_collezione_Alana_Vergine_dell’umiltà

Dai primitivi fiorentini come il Beato Angelico, Filippo Lippi, Bernardo Daddi, Niccolò di Pietro Gerini. I senesi come Lorenzo Monaco, Luca di Tommè. I pittori pisani come il raro Francesco Traini.
Sono presenti naturalmente pittori rinascimentali toscani come Paolo Uccello, il Franciabigio, Lo Scheggia. Gli umbri come Luca Signorelli, giganti come Carlo Dolci, Annibale Carracci, il Savoldo.

Jacopo_Carucci_detto_il_Pontormo_la_collezione_Alana
La_collezione_Alana_Pontormo


Non poteva certo mancare la grande pittura veneta con Bellini, Vittore Carpaccio, Giacomo Bassano, il Tintoretto, Paolo Veronese.

Passando, tanto per gradire, per il Bronzino e Orazio Gentileschi.

Sant'Agata_di_Carlo_Dolci_la collezione_Alana
Carlo_Dolci

Possiamo riprendere fiato.

C’è da restare a bocca aperta, una collezione degna di un museo; se si aggiunge che tutte queste opere sono esposte insieme per la prima volta, si capisce che questa è una mostra da non mancare.
Una cosa che colpisce subito entrando nella prima stanza, è la disposizione delle opere esposte.
Si è voluto azzardare un`esposizione all’antica, cioè tutti i quadri appesi uno accanto all’altro, in fila, attaccati, direi quasi appiccicati, un vero spettacolo.

La_collezione_Alana_La_scelta_di_Sabrina
La_Collezione_Alana


Siamo abituati, sopratutto nelle mostre acchiappa-pubblico dalla bocca facile, ad una esposizione di quadri rarefatta, con luce soffusa, con poche opere isolate.
È un metodo per influenzare il pubblico, dare alle opere un’importanza che spesso non hanno.
Sono quelle esposizioni dove si trova un argomento, uno qualunque, solo per raggruppare delle opere che non hanno nulla a che fare tra di loro, ma che devono avere un requisito imprescindibile: essere delle blue-chip dell’arte internazionale.
Sappiamo quale sia l’unico fine di queste mostre chiamate blockbuster: attirare più entrate possibile. Pazienza se sono sempre opere che vengono da privati e che spesso verranno in seguito vendute presso case d’asta tipo Christie’s e Sotheby’s.
Con buona pace di chi si reca ad una mostra per imparare qualcosa o conoscere nuovi contributi alla ricerca e alla filologia.
Ma torniamo ora alla nostra bellissima esposizione.

Lo_Scheggia_tempera_e_oro_su_legno_la_collezione_Alana
Storia_di_Coriolano_Lo_Scheggia


C’é un’altra cosa che fa molto riflettere: ad un certo punto é appeso su di un pannello una frase, é di Alvaro Saieh.
Questi, insieme a sua moglie Ana Guzmán (a proposito sono le loro iniziali Al-Ana che danno il nome alla collezione), è il mecenate al quale si deve questa mostra.
La frase dice: “Vorrei creare un insieme che sia rappresentativo dell’arte italiana del Rinascimento, ma anche del senso che questa può avere nella cultura di oggi
Vaste chantier, dicono in questi casi i francesi.
Che senso può avere la cultura Rinascimentale oggi?
Con questo interessante quesito ci salutiamo e vi do un arrivederci al prossimo Magazine.

Paolo_Caliari_detto_il_ Veronese e Jacopo_da_Ponte_la_collezione_Alana
L’adorazione_dei_pastori_e San_Pietro_e_San_Paolo
La_collezione_Alana_al_Museo_Jacquesmart_André
La_collezione_Alana

 

La collezione Alana

I capolavori della pittura italiana

Museo Jacquesmart-André

dal 13 settembre 2019 al 20 gennaio 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

Museo Jacquemart-André