fbpx

Salvator Rosa Cornice in Legno Dorato Roma, 1690

Questa tanto semplice quanto elegante cornice in legno dorato è un puro esempio della prestigiosa categoria chiamata Salvator Rosa. Scopri la sua storia nella descrizione in questa pagina.

Periodo                 Fine XVII° secolo

Provenienza       Centro Italia

Materiale             Legno intagliato e dorato a foglia oro

Condizioni          Buone, imperfezioni dovute all’uso e il tempo con una patina meravigliosa

Dimensioni (cm)

  • Altezza             37,8
  • Larghezza       29
  • Profondità       5

Descrizione

Cornice In Legno Dorato Salvator Rosa Roma.

Questa  semplice quanto elegante cornice in legno dorato è un puro esempio della prestigiosa categoria chiamata Salvator Rosa. Difatti  il celeberrimo pittore napoletano, noto per le sue potenti rappresentazioni della natura, curava ogni dettaglio della sua produzione. Arrivando fino a disegnare anche la forma delle cornici.
Da Salvator Rosa quindi, nato a Napoli, vissuto e morto a Roma in pieno 1600, prende il nome uno dei modelli più ricercati di cornici che hanno avuto la loro massima espressione per di più  nell’Italia centrale, diciamo l’area corrispondente allo Stato Pontificio fino alla Campania.
Una differenza sostanziale contraddistingue  la produzione romana da quella napoletana.  A Roma la cornice è sempre dorata a foglia oro, nel basso Lazio fino nel napoletano la finitura era sempre argentata ed era detta a “mecca”.

Per concludere: in Francia e ugualmente nei paesi anglosassoni, quando parliamo di questo tipo di cornice si parla di  Maratta. Questo nome verosimilmente è mutuato dal grande pittore marchigiano Carlo Maratta.